Meglio uno o tanti desideri ? Il desiderio ci motiva in moltissimi modi. La nostra cultura e la nostra economia sono costruite sul nostro desiderio di cose ed esperienze che non abbiamo .

La stragrande maggioranza delle persone , dice Kabir (mistico indiano del XV secolo), nasce con infiniti desideri , troppi per essere perseguiti con convinzione e dedizione. La maggior parte di essi riguarda aspetti superficiali della vita come l’aspetto esteriore o ciò che si possiede. Secondo Kabir, le persone che hanno molti desideri sono le più povere e raramente ottengono successo in qualsiasi campo. Le loro vite sono anche le più tristi poiché superficiali e dominate da troppi desideri che non valgono nulla.

Pochi fortunati , tuttavia, hanno solo pochi desideri e sono coloro che lasceranno il segno in tutti i campi in cui si impegneranno .

Alcuni rari individui hanno un solo desiderio. Questi sono i grandi mistici / leader spirituali che spesso praticano la meditazione , una disciplina impegnativa volta a ridurre il numero dei propri desideri. Man mano che il numero dei desideri diminuisce grazie alla meditazione, i desideri stessi diventano meno superficiali più profondi.  

Meditazione e avversità 

Kabir descrive anche un modello di sviluppo emotivo che corrisponde alla diminuzione del numero dei desideri. Le persone con molti desideri sono spesso volubili e emotive: si arrabbiano facilmente e si calmano velocemente . Nessuno stato emotivo dura a lungo e uno dei vantaggi dell’essere superficiali è proprio che non ci si arrabbia mai per molto tempo, non essendo importanti le cose che turbano. Per contro, nemmeno le soddisfazioni sono importanti o durature.Niente dura a lungo perché niente conta molto.Al contrario, le persone con pochi desideri hanno passione, perseveranza e successo in qualsiasi campo si impegnino.

Il passo finale nella progressione emotiva si ha quando tutte le passioni di una persona – l’ambizione personale, il bisogno di prestigio, il perseguimento del piacere- si fondono in un’unica passione fiammeggiante che brucia il cuore : la devozione. Mentre ci muoviamo dall’emozione alla passione alla devozione, noi scopriamo chi siamo veramente e ciò che davvero conta per noi.

Kabir identifica due modi per ridurre il numero dei desideri : la meditazione e l’avversità. Quest’ultima è nota nella tradizione mistica come sofferenza . Quando la vita diventa difficile e incerta , i desideri superficiali svaniscono e ciò che resta è ciò che davvero conta per noi. I molti desideri di vita sono purificati dal fuoco dell’avversità e l’unica cosa che rimane è quella che merita completa devozione.

Sia attraverso la meditazione sia attraverso le avversità , iniziamo chiedendoci cosa vogliamo veramente. Successivamente chiediamoci quali di queste cose possono appassionarci . Infine chiediamoci a cosa possiamo dedicare completamente noi stessi e la nostra vita.

Alla fine , il processo di scoperta di sé inizia con una domanda molto semplice : cosa vuoi ? 

Voi cosa ne pensate ? Fatecelo sapere nei commenti o attraverso i nostri canali social

BIBLIOGRAFIA

 four stages of desire: https://www.psychologytoday.com/us/blog/the-search-meaning/201510/the-four-stages-desire-everything-one-thing