BONUS PSICOLOGO ecco come ottenerlo

info@potenziamentomentale.com

v

whatsapp

Amore al tempo del covid-19: relazioni nella pandemia

Ah l’amore ai tempi del Colera….o forse dovremmo al tempo del COVID-19?
Eh no non abbiamo sbagliato, in questo articolo ci interroghiamo su quale sia lo stato di salute delle relazioni dopo mesi e mesi di pandemia e isolamento?
Ecco una mia breve rassegna scientifica, freschissima, degli studi più interessanti.

Un fattore aggiuntivo di stress 

La Scienza delle Relazioni considera la relazione come una condizione di equilibrio sottoposta a rischi interni ed esterni.

👉🏼 I rischi interni sono rappresentati da fattori di vulnerabilità individuali o sociali, come per esempio il disagio emotivo di uno dei due partner, oppure l’appartenenza a una minoranza.

👉🏼 I rischi esterni sono invece le condizioni ambientali avverse, come i periodi di recessione economica o la perdita del posto di lavoro.

Ecco qui sotto il modello aggiornato, che comprende la pandemia.

Immagine

Nel modello aggiornato, la pandemia COVID-19 (che trovate nel riquadro contrassegnato con A)  rappresenta un fattore aggiuntivo di stress che può interferire con la stabilità della coppia.
L’impatto della pandemia può essere esacerbato da fattori di stress esterni preesistenti, come il basso reddito o l’appartenenza a un gruppo minoritario (nei riquadri contrassegnati con B e C).

Infine, le coppie in cui uno o entrambi i membri hanno vulnerabilità interne significative (ad esempio uno stile relazionale insicuro, nei quadranti D e E), subiranno l’impatto maggiore.

Gli effetti dell’isolamento 

Un gruppo di studiosi internazionale ha condotto, già all’inizio del 2020, una ricerca che ha coinvolto la popolazione cinese, la prima a confrontarsi con l’esperienza della quarantena.
È stata esaminata la relazione tra le misure di isolamento e il benessere mentale.
L’isolamento è risultato correlato a un aumento di stress, depressione e disturbi emotivi in genere.

Per quanto riguarda le relazioni, è emerso come l’esperienza traumatica della quarantena abbia agito da amplificatore, sia degli aspetti positivi che di quelli negativi, già presenti all’interno della relazione.
Sono emerse, quindi, narrazioni contrastanti.

  • Le relazioni già caratterizzate da elementi di criticità, come ad esempio comportamenti violenti, abusi ed elevato criticismo, si sono ulteriormente deteriorate.
  • Le relazioni caratterizzate da una comunicazione positiva ne sono uscite rafforzate. In questi casi, l’elemento traumatico dell’isolamento ha contribuito a saldare il legame, poiché le relazioni si sono rilevate una fonte di sicurezza essenziale in contrapposizione alla preoccupazione esistenziale dovuta alla pandemia.

Le relazioni online non bastano

La ricerca si è occupata di capire come le persone possono soddisfare il loro bisogno di connessione sociale ed evitare la solitudine durante i periodi di distanziamento legati alla pandemia, quando i contatti faccia a faccia sono limitati.

Si è studiato come cambiano i sentimenti di solitudine quando si utilizza la modalità di contatto faccia a faccia vs. online.

I dati, raccolti in un periodo di sei settimane tra marzo-maggio 2020, sottolineano come le relazioni online si mostrino utili nel combattere i sentimenti di solitudine, ma non possono sostituire completamente le modalità tradizionali di relazione.
I sentimenti di solitudine indotti dall’isolamento inibiscono anche la ricerca di contatto con gli altri che pure sarebbe possibile mantenere, con le modalità online. 

Ci attendiamo, nei prossimi mesi, ricerche sempre più accurate sugli effetti della pandemia.
Tuttavia, già questi primi dati sembrano invitare a considerare con la massima attenzione l’impatto dell’isolamento sulle relazioni sociali, e, di conseguenza, sul benessere psicologico in generale.
Soprattutto, ci mostrano che il contatto sociale diretto non può essere sostituito, per il momento, con nessuna delle modalità online di cui disponiamo. 

Sharing is caring ⤵️

Ora raccontaci un po’ tu la tua esperienza di “amore al tempo del covid-19”? Quale è stata la tua esperienza?
Se ti va, raccontaci la tua esperienza e opinione nei commenti o sui social.

Ti interessano questi argomenti? Segui il blog, abbiamo un’intera sezione dedicata al mondo delle RELAZIONI pronta per essere letta!
E se ti è piaciuto l’articolo, condividilo con qualcun* a cui può interessare!

Bibliografia

Pietromonaco, P. R., & Overall, N. C. (2020). Applying relationship science to evaluate how the COVID-19 pandemic may impact couples’ relationships. American Psychologist. Advance online publication. doi: 10.1037/amp0000714

Goodwin R, Hou WK, Sun S, et al. (2020). Quarantine, distress and interpersonal relationships during COVID-19. General Psychiatry ,2020;33. doi: 10.1136/gpsych-2020-100385

Van Breen, J., Kutlaca, M., et al. (2020). Lockdown Lives: A longitudinal study of inter-relationships amongst feelings of loneliness, social contacts and solidarity during the COVID-19 lockdown in early 2020. Preprint. doi: 10.31234/osf.io/hx5kt

scritto da

Marzia Menotti
Marzia Menotti

Psicologa Psicoterapeuta

Amo aiutare le persone a coltivare la consapevolezza e l’amore per se stessi,  vivere nel presente e trasformare le crisi in occasioni di conoscenza di sè.

Altri articoli per te

Il love bombing

Il love bombing

Il “love bombing” è una tecnica di manipolazione che instaura nel partner una dipendenza affettiva. Chi lo mette in atto fa leva sulle vulnerabilità del/della compagno/a, con un intento di controllo e di isolamento.

leggi tutto
8 cose che non sapevi sull’amore

8 cose che non sapevi sull’amore

L’amore da sempre è stato un argomento molto ricco di dettagli da studiare e analizzare. Il colpo di fulmine, la psicologia del bacio e la mappatura del cervello sono solo degli esempi di quante analisi si sono state fatte nel tempo. Ecco 8 studi che vi stupiranno.

leggi tutto

0 commenti

Subscribe To Our Newsletter

Subscribe To Our Newsletter

Join our mailing list to receive the latest news and updates from our team.

You have Successfully Subscribed!